• L’ ORIENTAMENTO

    L’orientamento intende essere un processo continuo, formativo, globale e unitario rivolto allo sviluppo delle attitudini e capacità dell’alunno per il compimento consapevole di una scelta scolastica e professionale e al fine di favorire il diritto/dovere degli studenti di assolvere all’obbligo scolastico e formativo. L’orientamento, inteso come costruttivo fattore di continuità nell’arco dell’intero quinquennio, è curato nel duplice aspetto della formazione e dell’informazione dell’allievo.


    L’azione prevede tre tipologie di intervento:


    • orientamento in ingresso
    • orientamento in itinere
    • orientamento in uscita.
  • Orientamento in ingresso

    Ci si propone di instaurare rapporti continui con le scuole medie del territorio per l’orientamento degli alunni delle scuole medie. Varie attività saranno organizzate per l’informazione collettiva ed individuale mediante:

    • campagne di informazione
    • sito della scuola
    • lettera informativa alle scuole medie del territorio
    • interventi, su richiesta, presso le scuole medie, anche in orario serale.
  • ​Orientamento degli alunni delle classi prime

    • accoglienza
    • incontro serale con i genitori.

    Si tratta di una serie di iniziative rivolte agli alunni delle classi iniziali con l’obiettivo di rendere il più possibile graduale e armonico il passaggio dalla scuola media alla scuola superiore. L’attività di accoglienza non si esaurisce in pochi, seppur significativi, momenti collettivi, ma si esplica nella quotidiana pratica didattica e nelle attività extracurriculari, affinché il ragazzo, quali che siano la sua provenienza e le sue basi culturali, trovi un clima che lo accompagni nel suo cammino di formazione, che tenga conto delle sue insicurezze e lo coinvolga in modo attivo e partecipato.

  • ​Orientamento in itinere

    L’orientamento in itinere all’interno della scuola si deve articolare in percorsi di informazione, ma soprattutto attraverso una pratica didattica consolidata. L’orientamento, infatti, si attua prima di tutto attraverso gli insegnamenti, attraverso una programmazione adeguata ed esplicita, che presenta obiettivi chiari agli studenti, rende esplicite le fasi del percorso, le metodologie adoperate, le modalità della valutazione, suscita aspettative di apprendimento e che, quindi, produca “auto-orientamento”.

    Nel biennio, l’orientamento ha come obiettivi:

    • verificare e rafforzare la motivazione dello studente verso l’indirizzo da lui prescelto, promuovendo azioni utili a consolidare la scelta effettuata;
    • far emergere elementi utili per un eventuale riorientamento nel caso di scelte non ben motivate, costruendo percorsi che aiutino il cambio di indirizzo;
    • mettere in atto un intervento compensativo o di recupero di quelle che si presentano come carenze individuali degli studenti;
    • offrire un supporto metodologico allo studio.

    Nel triennio, gli obiettivi diventano:

    • consolidare una prassi di autovalutazione e di riflessione sulle scelte in uscita;
    • favorire la capacità di “orientarsi” tra gli interessi personali, il mercato del lavoro e i condizionamenti ambientali.
  • ​Orientamento in uscita

    Il Liceo Scientifico e il Liceo Scientifico-Sportivo permettono di accedere a tutte le facoltà universitarie. Si rende necessario, perciò, guidare gli alunni del triennio ad una scelta consapevole, attraverso una serie di attività di carattere disciplinare e interdisciplinare, per far maturare nei ragazzi una progressiva conoscenza di sé e della realtà che li circonda, per dotarli di capacità cognitive e di competenze trasferibili dalle situazioni scolastiche alla vita sociale. La dimensione formativa dell’orientamento non si limita, infatti, al buon esito della scelta scolastica, ma è finalizzata anche a sviluppare negli alunni capacità di operare scelte consapevoli nel presente e nel futuro.

    Si proporranno agli studenti attività finalizzate a favorire una scelta universitaria o professionale ragionata e consapevole. Si opererà mediante la ricerca di un raccordo tra Liceo e Università (presentazione delle facoltà e organizzazione di vari incontri con i docenti delle facoltà universitarie) e tra Liceo e mondo del lavoro (organizzazione di incontri con rappresentanti del mondo del lavoro). Si promuoverà, inoltre, la massima diffusione del materiale inviato dai vari Enti di formazione superiore e post-diploma.

  • ​Finalità:

    • acquisire la capacità di progettare autonomamente nel tempo la propria scelta professionale e il proprio percorso formativo;
    • acquisire l’abitudine al giudizio sereno delle proprie potenzialità, limiti e capacità;
    • raggiungere la consapevolezza della necessità di un forte impegno per la realizzazione degli scopi desiderati;
    • appurare le proprie attitudini logiche;
    • sondare le proprie risorse motivazionali;
    • verificare l’efficacia del proprio metodo di studio. 
  • ​Iniziative rivolte agli studenti al fine di garantire la migliore scelta dopo la maturità:

    • visita alle manifestazioni nelle quali le facoltà universitarie e le agenzie formative del territorio presentano il loro curricolo;
    • conferenze
    • incontri con rappresentanti del mondo del lavoro e delle libere professioni.